Fast Font

Biblioteca

 

BIBLIOTECA DELLA FONDAZIONE VERA NOCENTINI - Descrizione

 
Ente di appartenenza:
Fondazione Culturale “Vera Nocentini” Onlus

Data di fondazione: 25 novembre 1978

Orario di apertura:

Da Lunedì a Mercoledì apertura dalle 10.00 alle 19.00
Il Giovedì apertura dalle 13.30 alle 19.00
Il Venerdì apertura dalle 10.00 alle 19.00
Il Sabato apertura dalle 15.00 alle 19.00 ( 2° e 4° settimana del mese)
La Domenica apertura dalle 10.00 alle 14.00 ( 2° e 4° settimana del mese)

 

Accesso: la biblioteca è aperta a tutti, senza alcuna formalità e i libri sono consultabili liberamente. Per il materiale librario, ad esclusione dell’emeroteca, vige il prestito interbibliotecario e il prestito esterno, previa registrazione degli iscritti. Il prestito è gratuito Tempi e modalità del prestito sono indicati nell' apposito regolamento (attulmente in via di ridefinizione). Dal 28 giugno 2016  il catalogo delle Biblioteche del Polo del ‘900 è consultabile sull’ Opac del Polo bibliografico della ricerca, gestito dall’Università di Torino.

Regolamento e tariffe: la biblioteca ha un proprio regolamento e aderisce al Tariffario Ismel per il costo servizi (entrambi in via di ridefinizione)

Tipologia funzionale: La biblioteca raccoglie volumi di storia politica e sociale, politica economica e sociologia del lavoro, politica internazionale, teologia del lavoro e tesi di laurea inerenti la storia sociale e sindacale. Ad essa è complementare una sezione specializzata sulla storia del movimento operaio e sindacale che comprende una raccolta di volumi monografici e materiale grigio su atti e documenti congressuali, di assemblee sindacali, di politica contrattuale e formazione sindacale.

Patrimonio librario: volumi monografici circa 17.000, periodici ca. 2.000 testate, materiale audiovisivo e risorse elettroniche: 200 unità.

Cataloghi: cataloghi cartacei per autori/titoli e soggetti aggiornati al 2008, catalogo distinto per tesi di laurea e catalogo gestionale dei periodici costantemente aggiornato.

Cataloghi informatizzati: l’80 % circa della biblioteca e una parte dell’emeroteca (500 testate) sono catalogate in SBN tramite l’applicativo Sbnweb.

Norme di catalogazione: nella catalogazione si fa riferimento alle norme internazionali ISBD, REICAT, SBN, Nuovo Soggettario. Non esiste classificazione.

 

Storia della Biblioteca

Prima dell' inserimento della nostra biblioteca nel sistema SBN (anno 2000), il materiale originario della biblioteca, circa 800 volumi, era stato organizzato secondo un proprio schema di classificazione basato su cinque classi all'interno delle quali le schede dei singoli volumi erano ordinate solo in base al primo autore del libro posto in ordine alfabetico[1]. Non esisteva catalogo per autori e titoli, né un soggettario. A questo blocco si aggiungeva l'insieme dei volumi (circa 500) di Franco Gheddo, non catalogati. L'emeroteca, invece, allora come oggi, è collocata a parte e dispone di un catalogo cartaceo per titoli autonomo.

Il lavoro di risistemazione della biblioteca è iniziato nel 1999, dapprima mediante un tentativo di catalogazione attraverso il software locale Erasmo, poi interrotto in vista dell'imminente convenzione con il Sistema Bibliotecario Nazionale, quindi dotando la biblioteca delle prime librerie a vetri in cui collocare i volumi monografici. Il passo successivo è stato quello di catalogare il materiale direttamente in SBN.

 La biblioteca è stata quindi progressivamente integrata da diverse donazioni e acquisti con un incremento medio del patrimonio bibliotecario è di almeno 250 volumi all’anno.

 

Descrizione del patrimonio della Biblioteca

L'intero patrimonio è catalogato secondo le norme catalografiche internazionali e nazionali (cioè secondo le ISBD's applicate a SBN e le Reicat), e per la descrizione semantica il Nuovo Soggettario di Firenze, per il quale la nostra biblioteca è attiva nel gruppo di lavoro del Cobis accreditato presso la biblioteca Nazionale Centrale di Firenze quale ente proponente nuovi termini. Non esiste invece alcun schema di classificazione (a differenza della fototeca e della manifestoteca), a causa della poca disponibilità di spazio che questa avrebbe richiesto se di tipo "a scaffalatura aperta" e vista la poca adattabilità dei sistemi di classificazione più diffusi per la specificità del materiale bibliotecario della Fondazione.

 La biblioteca “Nocentini” riceve inoltre regolarmente le pubblicazioni delle strutture Cisl orizzontali e categoriali, edite in Piemonte ed a livello nazionale.

Oggi essa consta delle seguenti Sezioni della Biblioteca:

  • donazioni di fondi bibliografici personali, fra cui Franco Gheddo (500 volumi), Don Matteo Lepori (2200 volumi + un migliaio di volumi da catalogare), Sergio Cunioli (800 volumi), Elisabetta Benenati (600 volumi), Gianni Bertone (1500 volumi), Carlo Borra, Luisa Passerini, Guido Bodrato, Federico Matteoda, Andrea Lebra, Carlo Marletti, Bruna Peyrot, Gianni Boscolo, Marcella Filippa...
  • monografie e materiale grigio di diretta provenienza sindacale (atti di congressi, assemblee organizzative, studi e materiale di formazione delle strutture orizzontali e delle categorie Cisl raccolti originariamente da Franco Gheddo nella "sezione di formazione sindacale" )
  • donazione e scambi con enti vari ed istituti (ADES (un migliaio, di cui circa 300 volumi antichi), CESDI (260), ISCOS Piemonte (250), Regione Piemonte, altre strutture sindacali...)
  • acquisti realizzati (tra questi l'intera produzione a carattere sociale delle Edizioni Lavoro)
  • tesi di laurea (158)
  • enciclopedie e repertori (circa 200 volumi)

Tramite la collaborazione di volontari e in prospettiva Ismel, si procederà entro la fine del 2013 alla stesura di una dettagliata "Carta delle collezioni".

 


[1] Il sistema di classificazione suddivideva il materiale in:

-       Biografie e autobiografie

-       Cataloghi mostre

-       Chiesa cattolica: storia e società

-       Diritto

-       Economia, politica e storia delle relazioni industriali

-       Filosofia, politica, storia (italiana e internazionale)

-       Movimento studentesco

-       Politica contrattuale e sindacale

-       Politica economica e finanziaria

-       Sociologia e studi sulla società

-       Storia del movimento operaio e del sindacalismo italiano

-       Storia della resistenza e dell’antifascismo

-       Storia del sindacalismo internazionale

-       Tematiche femminili

-       Terrorismo e sinistra extraparlamentare

-      Tesi di laurea

Polo del 900

Servizio Civile Nazionale 

0464a62343a7fdda503297234c42fde6

 

Logo-Facebook

Area Riservata